07/02/2007

Stormy Six - Un Biglietto del Tram (1975)

"Sul finire del 1974, […] per garantire l'autonomia dei musicisti impegnati politicamente dall'invadenza propagandistica di partiti e partitini, e per tutelarli sotto il profilo economico e sindacale, nasce, a Milano, l'Orchestra, la prima cooperativa musicale italiana. La presiede [Franco] Fabbri [membro fondatore degli Stormy Six], e tutti gli Stormy Six vi partecipano. Pochi mesi dopo, quando già l'Orchestra ha dimostrato la sua efficacia come agenzia di spettacoli, si presenta l'occasione di trasformarla anche in casa discografica. L'Ariston, casa discografica degli Stormy Six, si dice disposta a cedere il proprio diritto esclusivo sul gruppo, in cambio della distribuzione commerciale dei dischi eventualmente prodotti dalla cooperativa. Nel giro di poche settimane, nella primavera del 1975, nasce il primo disco «indipendente» degli Stormy Six (uno dei primissimi, comunque, per un gruppo italiano): Un biglietto del tram. È un grande successo: distribuito porta a porta, nelle manifestazioni, ma anche nei negozi […] finisce per vendere quasi trentamila copie […] e Stalingrado diventa un inno di piazza.
Un biglietto del tram
è un disco molto particolare. Il contenuto è politico (le canzoni rievocano episodi della Resistenza) e il suono è rigorosamente acustico, ma nelle musiche e nei testi – tutte e tutti di ottimo livello – si coglie l'atmosfera del progressive rock inglese (Gentle Giant, Jethro Tull, Procol Harum), filtrato attraverso un rigore musicale che depura gli elementi blues a favore di una scrittura cameristica di sapore continentale, mitteleuropeo. È un lavoro autenticamente collettivo: Fiori e Leddi si aggiungono come compositori, il suono del violino di De Martini plasma l'impasto globale, tutto il gruppo collabora agli arrangiamenti." (francofabbri.net: cliccate qui per la storia completa e altre informazioni sul gruppo.)

RIO Poster (source: francofabbri.net)

Rock In Opposition

The Red Flag, that notorious battle hymn once acidly labelled a «dirge» by George Bernard Shaw, was inspired by a London dock strike and penned by fellow Irishman Jim Connell, self-styled «sheep farmer, dock labourer, navvy, railwayman, draper, lawyer (of a sort) and all-time poacher» (sic). For students of railway timetables, he claimed to have written the song during a 15-minute train journey between Charing Cross and New Cross in 1889. So now you know.
Bandiera Rossa
is the far more rousing Italian equivalent of The Red Flag, and it says a great deal for the wit, humanity and sheer musical presence of the Italian band Stormy Six – who ended the Rock In Opposition concert last Sunday at the New London Theatre – that they could include this and all kinds of similar references in their set without turning the whole shebang into a heavy political rally. After all, the main purpose of the event was to celebrate musical revolution in the shape of five European bands – Henry Cow from England, Etron Fou Leloublan from France, Univers Zero from Belgium, Samla Mammas Manna from Sweden and Stormy Six – though politics, of course, has a way of creeping in simply by logical implication.
Stormy Six emerged the «stars» of the evening – with pretty hefty honourable mentions going to Etron Fou and the Cow – by dint of their spectacular, fantastically enjoyable musicianship, not to mention a wicked talent for endless parody that would leave the Tubes gasping at the first post. […] Stormy Six began life as a folk band, and can switch from jazz-rock blows to lurching Kurt Weill rhythms with ridiculous ease. One of Europe's major bands, unquestionably. [...] (Maureen Paton for Melody Maker, 18/03/78. Full review on francofabbri.net, where you will find
also the complete story of the band, their full discography, pictures, etc.)

Please, support artists like Stormy Six and many others posted on this blog searching for their vinyl or cd releases, and buying them if it should turn out that they’re (still or again) available.


Link in comments (always appreciated, in whatever language)


10 comments:

Ummagumma said...

Guarda che coincidenza tu posti "un biglietto per il tram" ed io "Clichè"...meno male che non abbiamo fatto scopa! Ciao
Ummagumma

Anonymous said...

grazie

Ummagumma said...

Ecco al track listing del secondo degli Zeit(un giorno in una ...): 1-ruz, 2-circus, 3-echi d'acqua, 4-ritmo berbero, 5-il mosaico, 6-vetri e canne, 7-tema oscuro, 8-sintesi.
Mi manca però sempre la cover. Un abbraccio ed un ciao.

Lucky said...

oooh, i think that's an absolute CLASSIC! read about in cutler's book, but never heard it though - thanks for sharing this!!!

lucky

Anonymous said...

thanks

Anonymous said...

Hi, Radu,
... brilliant blog U have, congratu ... in ya treasure i come across some beauties :-) ... btw, would u plz repost the "Stormy Six - Un Biglietto del Tram " cause deleted, thx, nicola from pannonia

Radu said...

NEW LINK:

http://sharebee.com/04333b98

Anonymous said...

Hi, Radu,
big thx for your repost,
nicola

www.burgos-3d.com said...

Well, I do not actually imagine it is likely to have success.

Anonymous said...

ciaooo, sto cercando un altro lavoro degli Stormy Six, cioè "L'Unità", album splendido e decisamente misconosciuto.... Non è che per caso ce l'hai? sarebbe una splendida aggiunta al tuo blog.... e anche il succitato "megafono", pure piuttosto raro... graziee