05/10/2007

Musafir - Gypsies of Rajasthan (1998)

«The title comes from the supposition, since borne out by linguistic and DNA evidence, that the Roma, or Gypsies, originally migrated from northern India. Just why they left their homeland over a millennium ago to wander the face of the earth is not known. Musafir, who are often described as "proto-Gypsies," consist of singers, dancers, instrumentalists, fakirs, and Sapera snake charmers. They are led by Hammed Khan, a non-Roma tabla virtuoso. The music is Indian folk, with sinuous vocals, harmoniums, and flutes built over a framework of Khan's virile drumming. While it is possible to glimpse assorted Roma traditions in embryo, a lot has happened since the tribes embarked on their endless walkabout. It is probably best to avoid speculation and simply enjoy Musafir based on their own merits, which are considerable indeed.» (Christina Roden, Amazon)

«“La vita per me è un viaggio gitano; per alcuni la vita è un fatto pratico, per noi è possibile entrarci solo attraverso lo spirito del viaggio”, dice Hammed Khan, leader dei Musafir. Il Rajasthan, la terra dei principi, è il punto di partenza della migrazione del popolo rom verso l'Europa. I Musafir, che discendono da alcune caste di musicisti e poeti, con artisti sufi, musulmani e indù, portano in scena un vero e proprio circo musicale: canti, danze e numeri circensi della festa popolare, amalgamati in un repertorio in cui traspare l'influenza delle culture gitane, araba e indiana. I molteplici influssi popolari sono sostenuti dai rigorosi canoni estetici della musica dotta indiana, anche grazie alla direzione artistica di Hammed Khan, maestro di tabla alla Rajasthan University di Jaipur e studioso di musica popolare della sua regione. Hammed, infatti, lavora con i maggiori maestri della musica dotta e popolare del suo paese e rivisita il repertorio delle tipiche fanfare dell'India settentrionale con la big band Jaipur Kawa Brass Band; inoltre, ha collaborato con molti artisti occidentali, da Thierry Robin e Erik Marquand nell'ambito della musica folk ai jazzisti Henry Texier e Syslain Kassap e la coreografa Carolyn Carlson.» (Portale di Venezia)

Link in comments

5 comments:

Cosmo said...

mass mirror says: file not found . . . bummer, sounds like an interesting set of tracks

Radu said...

http://www.megaupload.com/?d=MF8MZ25I

AmbroseBierce said...

Thanks, Radu, a nice one again!

ryan said...

Thanks a lot, Radu. This album is fantastic..

Yuuki said...

Thank you! I've been lookin' for this great album for so long...